Come illuminare il bagno

piatto doccia L'illuminazione del bagno, rispetto agli altri ambienti, richiede più attenzione. Ormai il bagno non è più solamente dedicato alle semplici funzioni di igiene quotidiana, ma è diventato un luogo dove rifugiarsi alla ricerca di benessere e relax.

 

Per illuminare il bagno dobbiamo partire dal presupposto che un singolo punto luce non basta. Il bagno è diviso in zone e ogni zona ha bisogno di diverse tipologie e intensità di luce. La maggior parte delle volte parliamo di bagni privi di finestre o con finestre troppo piccole è importate, quindi, dosare bene la luce nelle varie zone. Un bagno troppo luminoso apparirà aggressivo e inospitale, se al contrario la luce è troppo debole, creerà disagi e si faticherà a svolgere le normali funzioni.

I punti luce da cui partire sono l’illuminazione generale e le parti del bagno che vanno ben illuminate, cioè il piatto doccia, il lavandino e lo specchio.

Piatto doccia

Per l’illuminazione principale, è consigliato scegliere una luce simile a quella naturale, morbida e bianca e che si diffonda uniformemente.Per ricreare quest’effetto si possono utilizzare lampade a parete, luci a soffitto, lampade a sospensione, ma anche luci indirette, cioè proiettate contro soffitti e muri; inoltre, a seconda della grandezza della stanza da bagno, saranno necessari uno o più punti luce. 

Per quanto riguarda la zona del lavandino, deve essere illuminata adeguatamente; essa è la zona dove si compiono operazioni come truccarsi e radersi che necessitano di una luce brillante e direzionata.

Parlando dello specchio, la cosa ideale da fare è installare due punti luce ai lati dello specchio o tutto attorno, una fonte di luce unica dall'alto creerebbe ombre fastidiose.

Per avere l’intensità di luce adatta al momento della giornata è importante rendere i vari punti luce indipendenti uno dall’altro.

piatto doccia karina

Come per gli altri ambienti della casa, i punti luce possono diventare anche un elemento d’arredo per dare più carattere al bagno. Ad esempio, è possibile utilizzare le luci a LED inserendole all’interno del 

pavimento, nella parete o lungo la base del piatto doccia per creare un'atmosfera rilassante durante la notte; inoltre, oltre ad essere belli, i LED consumano pochissimo e danno luci tenui del colore desiderato.

Silverplat offre un piatto doccia provvisto di sistema cromatico. Si tratta del piatto doccia Karina che si illumina con svariate colorazioni, oppure rimane a luce fissa o spenta. Il piatto doccia Karina può essere anche richiesta provvista di fantasia decorativa. Un semplice punto luce consentirà al piatto doccia cromoterapia Karina di produrre un bagno di colore e di luce irradiando tutto il corpo e l’ambiente circostante e consentendo una completa rigenerazione cellulare.

Ricordiamo che per quanto riguarda l’impianto elettrico del bagno, come in tutti gli altri spazi dove è presente l’acqua, bisogna rispettare le norme di sicurezza. Sono presenti parti del bagno che potrebbero essere sommerse dall’acqua o essere raggiunte da schizzi quindi devono essere installate in modo sicuro componenti con il giusto grado di protezione  

Passaggio 1 di 8

Ambiente: nessuno





Passaggio 2 di 8

Forma: nessuno







Passaggio 3 di 8

Dimensioni:

Lunghezza: 0 cm

Profondità: 0 cm

Passaggio 4 di 8

Conformazione: nessuno




Passaggio 5 di 8

Piatto Doccia: nessuno

Passaggio 6 di 8

Pedana: nessuno

Pedane Jolly

Pedana Matilde in acciaio Inox

Pedane Legno

Pedane Melissa in alluminio

Karina cromoterapia

Passaggio 7 di 8

Sospensione a scatto: nessuno

Passaggio 8 di 8

Box Doccia: nessuno

 

Altezza in cm

 

Finitura metallerie

Finitura Cromo Cromo
Finitura Satinata Satinato

Finitura vetro

Vetro Trasparente Trasparente
Vetro Extra Chiaro Extra Chiaro
Vetro Acidato Acidato
Vetro Fume Fume