0541.659165

Come ristrutturare il Bagno: le Fasi da conoscere

Ristrutturare un ambiente, che sia una stanza o l’intera casa, può essere molto stressante e difficile, soprattutto se è la prima volta e non si sa da dove iniziare. Se poi parliamo di bagni, le cose si fanno ancora più complicate; i professionisti su cui investire sono tanti e un loro piccolo errore potrebbe compromettere la riuscita del bagno. Si parte sempre molto fiduciosi – “hanno detto che lo finiscono in una settimana, che meraviglia!” – ma piano piano l’entusiasmo si affievolisce quando ci si trova davanti calcoli sbagliati e ritardi nei lavori. Perdere di vista l’obiettivo è facile in questi casi- chissà, sarà rimasto incastrato sotto progetti e preventivi? – ma l’importante è non perdersi d’animo e ricordare che alla fine di tutto il risultato sarà l’ambiente nuovo e confortevole che è stato con tanto impegno.

Come iniziare i lavori? Quanto può costare la ristrutturazione? Quali sono i tempi per realizzarla? In questo articolo potrete trovare le risposte che stavate cercando e anche qualche consiglio di stile per rendere il vostro nuovo bagno raffinato ed elegante.

Fase 1: Progettazione

Avete un amico architetto? Perfetto! Spiegategli bene come vorreste trasformare l’ambiente e lui potrà realizzare il progetto. In alternativa, in qualsiasi negozio di arredo bagno possono realizzare il vostro progetto e fornirvi un preventivo su sanitari, mobiletti e ulteriori modifiche da fare ai muri o agli impianti.

Se avete già le idee chiare, che aspettate? Mettete su carta il bagno dei vostri sogni e iniziate la ristrutturazione!

Fase 2: Demolizione

Per fare spazio al nuovo è indispensabile liberarsi del vecchio, si sa, quindi chiamate il vostro muratore di fiducia e date il via libera al martello pneumatico! Assicuratevi che l’acqua venga arrestata e che le stanze adiacenti siano sigillate per non far entrare polvere e calcinacci. In base al tipo di ristrutturazione, il muratore rimuoverà solo mobili e sanitari o anche pavimentazione e massetto, il rivestimento delle tubature. L’ultimo caso si verifica quando si vogliono cambiare le posizioni dei sanitari e quindi è d’obbligo spostare gli attacchi per il nuovo impianto idraulico.

Fase 3: impianto idraulico ed elettrico

Seguendo le tracce del muratore, elettricista ed idraulico provvedono a spostare gli attacchi e a controllare le tubature affinché tutto il sistema elettrico e idrico funzioni perfettamente senza perdite. Sarebbe un peccato accorgersi di un errore dopo aver rivestito l’intero bagno! È importante quindi lavorare di precisione e dare ai professionisti indicazioni e misure accurate per il rifacimento degli impianti.

Fase 4: livellamento del pavimento e rivestimenti

Il nostro muratore ora lavora sul pavimento: livella il suolo, con materiali riempitivi per coprire le tubature e con uno strato di massetto per preparare il piano per il posatore, colui che realizzerà i nostri rivestimenti in mosaico o mattonelle. Solitamente, il posatore realizza i pavimenti e i rivestimenti delle pareti, che possono arrivare a metà altezza dietro ai sanitari, coprire tutta l’altezza del box doccia oppure possono essere progettati come più vi piace. Se volete un bagno raffinato, i toni del grigio e dell’azzurro ghiaccio sono ideali; se invece cercate di creare un ambiente più accogliente, il mosaico sui toni del verde o del giallo farà al caso vostro.

Fase 5: sanitari e collaudo finale

Ci siamo quasi: il pavimento c’è, la doccia è stata ampliata, i sanitari sono stati spostati e i mobiletti sono stati scelti… non resta altro che montare il tutto! L’idraulico provvederà ad ultimare il tuo sogno ed a installare i sanitari, non dimenticandosi di fare un collaudo finale per controllare che tutto funzioni alla perfezione. In base al tipo e al modello di sanitari scelti, ci può volere più o meno tempo per installarli, complici anche le disponibilità in negozio e l’obbligo di inspessire la parete qualora si vogliano dei sanitari sospesi – l’ultima moda in fatto di design; per quanto riguarda il box doccia invece, sempre più persone scelgono piatti doccia a filo pavimento, per dare l’idea di un bagno di lusso anche in un’abitazione normale. Pedane in legno, in alluminio, piatti doccia personalizzati adattabili a qualsiasi nicchia sono gli elementi distintivi di Silveplat, azienda leader nel settore per la creazione di soluzioni doccia particolari e garantite a vita. Date un’occhiata al sito per creare un box doccia completo di porta in cristallo o solo per il piatto doccia “invisibile”: sarà come dare nuova vita al vostro bagno.

Ovviamente non si può stimare un tempo in cui la ristrutturazione viene terminata poiché tanti sono i fattori in gioco, come la grandezza del bagno, lo spostamento degli attacchi, i tempi di attesa degli ordini, la disponibilità dei professionisti etc. In ogni caso, se siete fortunati, potreste completare i lavori anche nel giro di una settimana, mai dire mai! Inoltre, è utile sapere che esistono agevolazioni e detrazioni fiscali per chi avvia un processo di ristrutturazione: l’IVA scende al 10% ed è possibile detrarre il 50% delle spese sostenute. Conveniente vero?

Ora non vi resta altro che godervi il vostro nuovo bagno e rilassarvi con una doccia rigenerante! Qui idee e ispirazioni.

CONTATTACI ORA

By | Febbraio 19th, 2019|PROGETTAZIONE BAGNO|0 Comments